Il contributo della SUMS per contrastare la povertà a San Marino

Durante gli undici mesi del 2020 il lavoro del Fondo di Solidarietà SUMS è stato silenzioso, ma costante ed incisivo per fronteggiare la povertà relativa a San Marino. Donne e uomini disoccupati, lavoratori e pensionati con redditi bassi che non arrivano a fine mese e non riescono a pagare le utenze, gli affitti, le assicurazioni, i bolli delle auto, le rette per le mense scolastiche, le cure dentistiche e quanto serve per una vita, appena dignitosa: questa è la fotografia dei nuovi poveri a San Marino.
Numerose famiglie si rivolgono alla Caritas per i viveri, il vestiario, le spese delle utenze. Altri ricevono il sussidio COVID-19. Da considerare inoltre che a San Marino è ancora attivo il sistema del welfare, nel senso che la sanità e la formazione scolastica sono ancora gratuiti per i residenti.
In questi difficili mesi di emergenza sanitaria ed economica, il Fondo di Solidarietà SUMS ha già accolto 64 richieste di aiuto ed ha erogato complessivamente più di € 69.000. Nel rispetto dei criteri di non elargizione del contante ai richiedenti, il Fondo ha pagato le bollette delle utenze, i canoni d’affitto, le assicurazioni, i bolli auto, le spese mediche, le rette per le mense ed iscrizioni scolastiche ed ha erogato buoni spesa, spendibili nei 5 principali supermercati e buoni benzina.
La stessa SUMS ha erogato buoni spesa alla Caritas per un ammontare di € 20.000, affinché ai pacchi viveri distribuiti, fossero allegati, buoni per l’acquisto di cibi freschi.
Nel 2020 l’impegno finanziario per la SUMS è stato particolarmente oneroso; infatti l’entità complessiva degli aiuti, finora sostenuti, è stato l’importo più elevato, finora erogato nell’arco dei 6 anni di operatività del Fondo di Solidarietà.
All’emergenza sanitaria COVID-19 la SUMS ha partecipato, raccogliendo e destinando all’Istituto Sicurezza Sociale (ISS) la cifra di oltre 237.000 euro, comprensiva del contributo diretto dello stesso sodalizio, pari a € 30.000.

Molto significative sono le contribuzioni che i soci, i cittadini e le organizzazioni potrebbero devolvere a favore del Fondo di Solidarietà SUMS durante le festività natalizie, in analogia a quanto verificatosi nel recente passato. 

La solidarietà ci rende consapevole di avere, come comunità sammarinese, un comune destino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Menu